Una cenetta romantica | Out of the Blue, un magazine tonico | Il Cannocchiale blog Rubrica Racconti | Out of the Blue, un magazine tonico | Il Cannocchiale blog
.

Partecipa ad Out of the Blue

Una cenetta romantica


di Silvio Di Giorgio



Ero rientrato mezz’ora prima dal lavoro per organizzare al meglio quella che sarebbe stata la mia serata speciale con Marta. Un corpo da manuale erotico scolpito da un artista con problematiche sessuali evidenti, valorizzato da un abbigliamento così provocante che avrebbe innescato pensieri libidinosi persino in una giovane marmotta.
Di solito io e Marta ci  scambiavamo solo qualche parola di circostanza; una volta ero riuscito a parlarle per dieci minuti consecutivi ma solo dell’eritema inguinale di mia zia Carmela.
Dopo tante serate trascorse da solo davanti al televisore spento ad immaginare un appuntamento con lei, ero riuscito ad invitarla a casa mia per una cenetta senza pretese, così, giusto per stare insieme. Almeno questa era la motivazione ufficiale. Lei aveva detto sì…
All’epoca lavoravo come assaggiatore di rossetti per una grossa ditta del settore cosmesi da quando era stato vietato l’uso degli animali per testare la tossicità dei prodotti. Uno svenimento simulato dopo aver ingoiato il secondo etto di rossetto color cadmio numero 5  mi permise di anticipare l’uscita e di correre a casa per sistemare i dettagli di una serata che non avrei mai creduto di poter vivere senza staccare un assegno.
Il citofono mi avvisò dell’arrivo di Marta che in un paio di minuti apparve davanti alla mia porta. Mio Dio! Neanche nelle mie fantasie più sfrenate l’avevo immaginata vestita in quel modo (forse perché di solito la immaginavo vestita solo dello smalto delle unghie dei piedi): un vestitino scuro tanto attillato da sembrare tatuato sulle sue forme perfette mi invogliava a telefonare a mia madre per ringraziarla di avermi messo al mondo e per chiederle perché si ostinasse a cucinarmi barbabietole.
Chiusa delicatamente la porta iniziai a preparare un paio di drink smaccatamente afrodisiaci che mi aveva insegnato un amico vescovo, mentre le luci soffuse creavano una piacevole oasi di tranquillità.
Bussarono alla porta: l’avevo chiusa senza fare entrare Marta.
Ci scambiammo qualche occhiata di complicità e senza dire neanche una parola ci saltammo addosso e cominciammo ad amarci con la foga di due antibiotici che attaccano una legione di batteri intestinali.
Neanche un angolo della piccola casa fu risparmiato dal passaggio della nostra furia amorosa: in pochi minuti riuscimmo a mettere in crisi le teorie più consolidate riguardanti la forza di gravità e il valore nutrizionale dei Sofficini.
Ebbi tre visioni mistiche e mi apparve anche lo spirito di Hitler che mi spronava ad invadere nuovamente la Polonia.
Marta era un demonio: ma perché nessuno mi aveva detto che il pandoro poteva essere utilizzato anche in quel modo? E senza neanche toglierlo dalla scatola!
Al termine dell’amplesso dalla strada riecheggiò un applauso entusiasta, dovevano essere non meno di tredici persone, e una serie di trombe da stadio ci salutò festanti: ci affacciammo alla finestra raccogliendo l’ovazione del pubblico.
Marta disse che forse era il caso di mettere qualcosa sotto i denti, ma risposi che prima di ricominciare preferivo mangiare un boccone.
Ci mettemmo a tavola vestiti solo di sudore e buone intenzioni per l’anno nuovo e cominciammo ad assaporare soddisfatti la cenetta che avevo preparato  per  la  mia bella,  anche se nei miei piani sarebbe stata consumata prima dell’accoppiamento sul lampadario. Era evidente ad entrambi che la cena rappresentava solo lo spartiacque tra il primo e il secondo tempo di un’interminabile notte di passione: Marta aveva già appoggiato sul divano un saldatore elettrico.
La digestione fu rimandata ad un momento più opportuno e la guerra dei sensi riprese selvaggia.
Capii che era il momento di giocarmi il tutto per tutto: ora o mai più! Mentre Marta mi cospargeva di olio per auto, distrattamente feci scivolare sul cuscino una copia della Divina Commedia. Marta se ne accorse dopo qualche minuto; mentre stava inserendo del plutonio nelle mie cavità più nascoste capì subito che non si trattava di un caso. Smise subito di leccare le Pagine Gialle e mi inchiodò con uno sguardo terrificante.
“E con questo cosa credi di fare?”
“Marta…veramente io…”
“Ma per chi mi hai preso? Come ti è saltata in mente una cosa del genere? Ti credevo diverso!”
“Scusami, non volevo offenderti. Credevo di piacerti… almeno lo speravo.”
“Ma come hai potuto?! Sono venuta stasera convinta di dover trascorrere una notte di sesso sperimentale e tu fai scivolare un libro sul cuscino? La Divina Commedia poi!”
“Marta, aspetta non roviniamo tutto! Ora lo metto via, scusami.”
“Ma come ti è saltato in mente?”
“Sulla panchina della fermata ho visto che avevi del libri e così…”
“Non ci credo… Solo perché mi hai visto con dei libri in mano non vuol dire che io li legga. E’ per questo che mi hai invitata…? Sei un intellettuale!… Non me lo aspettavo…”
“Marta non piangere, ti prego. Ho sbagliato, ma quando giovedì ho visto nella tua borsa un romanzo di Balzac mi sono emozionato. E quando ieri avevi tra le mani il “Dizionario filosofico” di Voltaire non ho capito più nulla. Ho perso la testa.”
“Sei un mostro. Quanti libri leggi alla settimana? Parla! Pirla!”
“Almeno quattro…”
“Mostro! Quei libri mi servono per sorreggere il termosifone che sta cadendo. E me li sono fatti prestare. Non ti credevo così superficiale. Mi hai visto con dei libri e subito hai creduto che li leggessi. Magari ogni volta che leggi pensi a me, ogni volta che sfogli le pagine hai me davanti agli occhi… Mi sento così in imbarazzo, così violata!”
“Perdonami… Facciamo finta che non sia successo niente. Ecco, il libro lo butto via. Tieni, accendi il forno a microonde e riprendiamo dove eravamo rimasti. Credimi, mi fa piacere.”
“No Guido, non funziona così. Mi baceresti immaginandomi mentre sfoglio qualche librone. Non mi sentirei a mio agio.”
“Sono mortificato…”
“Adesso vado, è meglio così. Magari un giorno usciremo di nuovo insieme ma finché non mi sarò convinta dei tuoi sentimenti potremo solo fare sesso alla fermata dell’autobus, spero che tu capisca.”
“Va bene Marta…”
“Ciao allora.”
“Aspetta… Senti… Ma non mi leggeresti neanche una poesia? Una piccola piccola?”
“Intellettuale!!! Sparisci dalla mia vita!!!”
“Aspetta!… Ecco, anche stasera in bianco…”

Contenuti Extra: Intervista all'autore
 


17 gennaio 2010 / Racconti / commenti (7) / condividi facebook del.icio.us  technorati  oknotizie 
parole d'ordine: libricenasessopornoraccontointellettualidivina commediamarisasilvio di giorgiocena romantica
sfoglia        febbraio

Cubista, di Nicola Congiu

SEGNALAZIONI
Aperitivo Anal
Scritta su menù, bar di via Mentana 5, Frascati (RM)

Il vostro capannone lo stiamo preparando
Scritta su cartello, Via del Mare, Pomezia (RM)

Nel menu pranzo di oggi solo bibite innocue
Scritta su lavagna di rosticceria napoletana.

Alcuni studi hanno dimostrato che l'italiano è la lingua più chiara da sentire in caso di disturbi telefonici o in ambienti rumorosi
Wikipedia, pagina su Lingua Italiana, alla voce Fonetica.

Lucia la porca di Napoli youporn
Parola chiave usata da un utente che così ha trovato Out of the Blue.

Attenzione al pavimento
Roma, Forum Termini, piano meno 1, bar accanto all’edicola, cartello su piedistallo.

Anna Maria ti voglio nel mio letto nuda
Acqua Acetosa, stazione ferroviaria, scritta su muro.

Noi non siamo underground, ti amo
Roma, Piazza Fontanella Borghese, scritta su muro.

Un libro 5€, tre libri 15€
Roma, Ghetto - Portico d'Ottavia, insegna libraio.


Invia le tue segnalazioni a ootbmagazine@gmail.com
indice completo

SPAM
Mark Ehi

Ciao Richiedente!

Vogliamo farvi sapere che siamo offerbusiness, personale, società, studenti, e prestiti reparto casa, siamo in prestito offrire molto veloce e reliable.we in un basso interesse del 3%, possiamo dare il miglior servizio.



Coca-Cola Company
Coca-Cola mondo di promozione!!!

Con tutto il rispetto
Sono Borrelli Elena. Ero sposata con il signor Edmund Wilson, un ingegnere di Inghilterra. Siamo stati ufficialmente sposati 10 OTTOBRE 2001.

Sandra Hills
Carissima Uno nel Signore

Ciao il mio caro
Ciao il mio caro
Il mio nome è perdere Sylvia

Offerta di prestito per la applicano bisognosi ora
Io sono il signor signora Lesley Stefanie. Sono un finanziatore certificata governo.

Donazione della Signora Monica Alison
Mia cara, lo so che sei sorpresa nel ricevere questa lettera, ma come un figlio del Dio vivente, si dovrebbe sapere che le nostre strade non sono le sue vie.

Ciao caro
Ciao caro, il mio nome è Mariano, io sono un umile fanciulla.

Mi dia una possibilita
Tu non sai di me ... e non so voi ... Ma ho fiducia nel destino e mi auguro che il destino, mi dia una possibilita ....

Mercy Johnson
MISERICORDIA JOHNSON PRESTITO
# 14 AVENUE cravin, AREA CENTRALE MIATAMA NIGERIA ABUJA
CERTIFIED, CR COMMESTIBILI e approvato dalla politica del governo.
TEL: +234-705-965-6472
mercyjohnsonloan@googlemail.com
All'attenzione di: Customer pregio,


Invia il tuo spam a ootbmagazine@gmail.com
indice completo

PUBBLICITA'

Vuoi pubblicare la tua pubblicità su Out of the Blue?
Seguici su Twitter
PUBBLICITA'

Vuoi pubblicare la tua pubblicità su Out of the Blue?
Redazione
Saverio Raimondo
Direttore, Scrittore, Roma
bio | contenuti
saverio.raimondo@gmail.com
raimondoshow.ilcannocchiale.it

SP
Segretaria, Roma
ootbmagazine@gmail.com

Stefano Augeri
Scrittore, Roma
bio | contenuti
staisereno@gmail.com

Nicola Congiu
Scrittore e Illustratore, Cagliari
bio | contenuti
nike.co@tiscali.it

Giulio D'Antona
Scrittore, Milano
bio | contenuti
jules.dantona@gmail.com

Lucia Di Giammarino
Illustratrice, Roma
bio | contenuti
medullalucia@gmail.com

Silvio Di Giorgio
Scrittore, Benevento
bio | contenuti
silviodigiorgio@ymail.com
silviodigiorgio.blogspot.com

Pietro Errante
Scrittore, Venezia
bio | contenuti
polentaebenzene.blogspot.com

Betty Greco
Illustratrice, Lecce
bio | contenuti
bettygreco87@gmail.com
myspace.com/betty_land
bettygreco.blogspot.com

Daniele Fabbri
Scrittore, Roma
bio | contenuti
info@danielefabbri.net
www.danielefabbri.net

Flavio Migliore
Scrittore, Napoli
bio | contenuti
italianomedio89@hotmail.it
diebrucke.it
lacostola.it
lacostola.wordpress.com

Anna Molinaro
Illustratrice, Udine
bio | contenuti
mollannes@gmail.com

Daniele Passaro
Scrittore e Illustratore, Roma
bio | contenuti
dandesign@hotmail.it
danielepassaro.blogspot.com

Chiara Perrone
Illustratrice, Bruxelles
bio | contenuti
claritazita@hotmail.it
chiaraperrone.com

Mario Perrotta
Illustratore, Benevento
bio | contenuti
ofumettista@hotmail.it
ofumettista.blogspot.com

Stefano Pisani
Scrittore, Napoli
bio | contenuti
randomante@gmail.com
randomante.blogspot.com

Federico Righi
Scrittore, Modena
bio | contenuti
federight@gmail.com


Eddie Settembrini
Scrittore, Roma
bio | contenuti
eddieset@libero.it
eddie-settembrini.blogspot.com

Tabagista
Scrittore, Sassari
bio | contenuti
tabagista1986@libero.it
www.tabagista1986.splinder.com

Stefano Vigilante
Scrittore, Roma
bio | contenuti
vigste@yahoo.it

Creative Commons License
This opera by Out of the Blue is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.
Permissions beyond the scope of this license may be available at www.outoftheblue.ilcannocchiale.it.
Parole d'ordine, TAG